Teodulo Mabellini - bandacittadinacampigliamarittima

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

Teodulo Mabellini

Teodulo Mabellini fu compositore e direttore d’orchestra. Pistoiese di nascita, morì a Firenze nell’anno 1897. Condusse per un breve periodo, prima ancora del maestro Giuseppe Piva, la “Società Sempre Uniti”, per questo motivo, lo Statuto 1903, fu titolato in suo onore. Alla conduzione del gruppo, fece il suo primo esordio Michele Andreoni, già famoso musicista, allievo dell’Illustre Maestro Pellegrino Neri, professore nel Liceo di Ferrara, con il quale studiò armonia, contrappunto e strumentazione.
Non sappiamo esattamente per quanto tempo rimase attivo con questa denominazione, sicuramente una decina d’anni, poiché, il nuovo Statuto datato 23 luglio 1913, sostituì integralmente tutti gli articoli, e a causa della mancanza di alcune pagine, non sappiamo se fu sostituita anche la denominazione; molti personaggi che firmarono lo Statuto 1913, si ritrovarono a firmare anche lo Statuto dell’anno 1923. I più anziani, ricordano che il Gruppo Bandistico, continuò la sua attività fino all’inizio della prima guerra mondiale; l’avvicinarsi delle ostilità furono tali da far cessare ogni attività durante il conflitto anche a causa della chiamata alle armi di molti suoi elementi.

STATUTO SOCIALE 10 settembre 1903

Un particolare interessante da notare nelle foto, è la composizione degli organici, dove si vede chiaramente, che le formazioni prevedevano tutti i tipi di strumenti a fiato comprese le percussioni, tranne i saxofoni, oggi capisaldi delle bande. Strumento considerato fin da quando fu inventato da Adolphe Sax, e poi dallo stesso brevettato nell’anno 1845, strumento di penetrante dolcezza della sonorità, e che avrebbe dovuto assicurare un rapido successo, (quando Gioacchino Rossini lo udì per la prima volta affermò di non aver inteso mai nulla di più bello), si dovette aspettare l’inizio del ‘900 perché iniziasse a fare le prime comparse nelle scuole di musica, nelle orchestre, in gruppi musicali e bande; nei gruppi bandistici campigliesi, fecero le prime apparizioni intorno agli anni ‘40 con l’era Andreoni.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu